shutterstock_44752333

Regina del Sole, Regina della Luna
Regina dei corni, Regina dei fuochi
Portaci il Figlio della Promessa.
E’ la Grande Madre che Lo crea
E’ il Signore della Vita che è nato di nuovo!
L’oscurità e la tristezza vengono messe da parte

quando il Sole si leva di nuovo!
Sole dorato, delle colline e dei campi,
illumina la Terra, illumina i cieli,
illumina le acque, accendi i fuochi!!
Questo è il compleanno del Sole,
io che son morto, oggi son di nuovo vivo.
Il Sole bambino, il Re nato in inverno!

(canto tradizionale tratto da “La danza a spirale” di Starhawk)






Il Natale è la versione cristiana della rinascita del Sole, fissato secondo la tradizione al 25 dicembre dal papa Giulio I (337 -352) con lo scopo di celebrare Gesù Cristo come “Sole di Giustizia” e sovrapporsi alla preesistente  Festa pagana di Yule, molto importante per tutti  i popoli, dal Mediterraneo alle Isole Britanniche e Siberia, passando per l’Europa centrale.

Si celebra la morte del Vecchio Sole quindi, e l’affacciarsi alla vita della Coscienza, oltre che fisica, del Sole Bambino. Inoltre il tema legato alla vita della Natura con i suoi ritmi e i suoi cicli era quello della sconfitta del Dio Agrifoglio, Re dell’Anno Calante, ad opera del Dio Quercia, Re dell’Anno Crescente.

In modo ancestrale, allora come oggi, questo giorno e tutto il periodo natalizio, simboleggiano, a volte senza nemmeno averne totale consapevolezza, la rigenerazione dell’impulso Animico- Spirituale, presente in ogni essere incarnato.  Steiner per esempio, in una traccia di conferenza chiamata “Le Tredici Notti Sante” esplica molto bene questo tema, dando un’esaustiva spiegazione di come l’Uomo senta in sè un richiamo alla Rinascita spirituale, operandolo appunto in 13 importanti notti, che lui fa cominciare dal 24 dicembre e terminare il 6 Gennaio, con la celebrazione dell’Epifania.

Yule, o Farlas, è quindi insieme festa di morte, trasformazione e rinascita:shutterstock_539659654

Il Re Oscuro, il Vecchio Sole, muore e si trasforma nel Sole Bambino che rinasce dal grembo della Dea: all’alba la Grande Madre Terra dá alla luce il Sole Dio, e qui ci si ricollega alla visione cristianizzata della figura femminile pura e maestosa, della Vergine Maria.

La Dea / Madonna porta in sè il potere della rigenerazione e della nuova vita, che pur essendo ancora piccola, neonata, in forma primordiale, è comunque arrivata sulla Terra e produce la speranza del nuovo Sole e di un nuovo calore, che con fiducia arriverà, scalderà ogni uomo, farà ricomparire la Vita (primavera).

La pianta sacra del Solstizio d’Inverno è il vischio, pianta simbolo della vita.

Insieme al vischio nasce dai popoli pagani la ritualità dell’albero, come simbolo fallico primordiale, la fecondazione della Terra dunque, ma anche come allegoria dei processi esoterici cabalistici associati ai pianeti, alle sephirot e ai movimenti celesti che rinnovano il Cielo, la Luce e il Sole ogni anno, e i cui influssi guidano da sempre l’umanità intera.

Il vischio è ritenuto sacro, magico e medicamentoso presso i Druidi, i sacerdoti iniziati dei popolo Celti, che tanto hanno avuto a che fare in ambito spirituale, con la nascita dell’impulso cristico, in una fusione esoterica e misteriosa, di cui tratta anche Steiner in alcune sue conferenze sui Misteri di Ibernia.

shutterstock_539837953

Celebriamo dunque tutto ciò con grazia e consapevolezza, facendo fede alle reminescenze delle civiltà passate, che ancora ci guidano con Saggezza, per poter operare verso un futuro che possa essere davvero di Luce,  Alba di un Vero Risveglio.

Irene Sartini







A proposito dell'autore

Il mio percorso comincia nel 2006 come Naturopata e continua nella ricerca di metodi di guarigione naturale che mettano in relazione la floriterapia, le energie dei cristalli e soprattutto il colore, con l'arte terapia. Credo nella fusione e nella sinergia di più ambienti olistici, amo i colori, la natura. Credo nelle capacità creative e di guarigione insite naturalmente in ogni persona. Attualmente sono impegnata in un percorso di studio per Counselor Olistico e Armonizzatore familiare tramite Arteterapia, con indirizzo antroposofico. Collaboro con alcune associazioni per organizzare Workshop di disegno della forma Mandalica, pratico Reiki e Cristalloterapia, Floriterapia con metodi Bach, Californiani e Australiani. Vivo a Bologna.

Post correlati