Dalle ore 6:53 del 28 giugno si ha la totalità del plenilunio e si può ammirare un cielo unico per questo anno… ma anche per molti a venire. Si tratta di una splendida Luna in Capricorno. Le opposizioni di Saturno e Marte inoltre permettono di osservare uno spettacolo unico anche dai nostri cieli italiani.

I nativi chiamavano il plenilunio di giugno Strawberry Moon, proprio perchè in questo mese raccoglievano le fragole mature.

A livello astrologico è importante concentrare le nostre energie sulle emozioni che si tendono a reprimere e sulla trasmutazione di una sorta di nostalgia che potrebbe subentrare proprio a causa dei movimenti del lento Saturno. Il suo rigore e la sua saggezza però portano anche grande essenzialità nei movimenti interiori. E’ consigliato trovare nella serata di oggi un momento per una meditazione, anche se breve, e cercare il più possibile di concentrarsi su ciò che il nostro cuore desidera per alleggerirsi dei pesi dei ruoli, sociali, familiari, professionali che siano. Introspezione e desiderio di essere sè stessi sono i concetti chiave per sfruttare al meglio l’energia di questa Luna delle Fragole.

Un impulso di cura di sè e di desiderio di solitudine può essere il centro emozionale di molte persone che vivranno così  questo momento di energie cosmiche. Il controllo di tutto ciò che si trattiene nella quotidinaità  va lasciato andare, e questa può essere un’occasione per sentire la corrente dei nostri talenti più artistici e spesso latenti, che riemerge prepotente. Essere sè stessi con spirito fanciullo e bambino, lasciare andare la voglia di giudizio su tutto e tutti. Sentire una leggerezza che Saturno può a tutta prima ostacolare ma che in realtà agevola perchè la coglie dalla sua radice e dalla sua angolazione più essenziale.

 

Questa Luna è di fatto una preparazione alla grande eclissi del 27 Luglio che davvero aprirà un portale più definitivo su ogni retaggio del passato che va visto e trasformato. Ogni occasione comunque, può essere colta oppure no, ed il libero arbitrio e la volontà sono prerogative essenziali di ogni individualità, dai quali nessun movimento astrale può prescindere. Si tratta come sempre di scegliere, e laddove ci è una scelta si tratta di accompagnare il suo percorso nel modo migliore, attraverso lo strumento cosmico.

I cristalli e le pietre sono ottimi alleati per questo genere di meditazione rituale e purificatoria, vanno bagnati alla luce della luna e caricati con intenti preghiere e desideri…infine, la migliore meditazione rimane la gratitudine verso ciò che è, il grazie come mantram, come accettazione di ciò che è perfetto nel Qui e Ora.

 

 

A proposito dell'autore

Post correlati