Due donne che si lamentano con me del loro partner, a distanza di poche ore, indicano chiaramente che è tempo di scrivere un articolo al riguardo!

Secondo Dethlefsen, uno dei padri della medicina naturale (*) ci innamoriamo della nostra ombra, cioè della nostra parte inconscia, che non conosciamo. Da più parti ci viene detto che la persona che attraiamo non è mai un caso; se così tanti ci lasciano indifferenti e proprio quell’uomo – o quella donna – ci fanno “sbarellare”  gli ormoni, c’è un perché!






Ho scritto molto al riguardo, soprattutto in relazione al fatto che, nelle relazioni sentimentali, di solito riviviamo le ferite che abbiamo subito nell’infanzia (puoi trovare il mio E-book qui); è chiaro, quindi, che la persona da cui veniamo attratti ha delle caratteristiche simili a quelle di nostro padre o di nostra madre, o di chi ne ha fatto le veci. Logicamente la cosa non è per niente evidente, e lo diventa solo dopo molto tempo, e solo per chi è davvero disposto a tuffarsi in profondità e vedere certe cose di sé.

La maggioranza, non serve dirlo, continua imperterrita a inveire contro colui o colei che lo ha fatto sentire rifiutato, abbandonato, tradito, umiliato o trattato ingiustamente. Il colpevole e responsabile è l’altro, e con questo sembra che tutto sia risolto. Peccato che, alla storia successiva, le cose si ripetano.

I più intelligenti, dopo diversi tentativi, iniziano a dire, tra sé e sé: “Ma allora sono io! Dipende da me!”. Ecco, questi sono quelli che meritano una standing-ovation, soprattutto se, poi, si prendono anche la briga di volerne sapere di più e cercano il modo di capire le loro responsabilità.

Quello che mi interessa dire oggi, però, è qualcosa in più, e l’ho indicato nel titolo: la persona di cui mi innamoro rappresenta la parte di me che non conosco.

Per farmi capire è meglio che faccia qualche esempio…

La donna che si è lamentata con me di avere attratto marito e compagni che, a lungo andare, si rivelano uguali, cioè sfruttano il suo lavorare senza sosta, si fanno mantenere, intrattengono altre relazioni lasciandole tutti i gravami di situazioni intricate e pesanti, anziché continuare ad esprimere la sua energia maschile dovrebbe imparare a conoscere, integrare ed amare la sua parte femminile. Avrebbe bisogno di sentirsi tranquilla e serena, avendo accanto qualcuno che provveda ai bisogni economici della famiglia; ha bisogno di riconoscere ed integrare la parte di sé più debole e disponibile ad affidarsi agli altri, a chiedere aiuto, a lasciarsi andare.

La donna che mi dice di aver incontrato un uomo narcisista e manipolatore, probabilmente ha bisogno di riconoscere la parte di sé che cerca attenzioni mostrandosi brava, efficiente, calorosa, oppure vittima innocente. Anche queste doti possono servire ad attrarre attenzioni, ad ottenere riconoscimento ed apprezzamento, e solo riconoscendolo potrà imparare ad amare se stessa anche nelle proprie imperfezioni e fragilità.

Per me stessa è stata una sorpresa riconoscere in me le caratteristiche della persona che avevo sposato, che ritenevo rude, grezza e grossolana, mentre io sembravo il ritratto della finezza. Frequentando per un certo periodo una scuola di ballo ed uscendo con i miei compagni di corso mi sono ritrovata a rispondere a tono alle battute più sconce, a conoscere la mia parte più sguaiata e volgare, che non avevo mai manifestato, eppure c’è.

Alla donna che si è lamentata del fatto che incontrava solo “molluschi”, che sentiva l’esigenza di “raddrizzare” riprendendoli ferocemente, ho fatto notare che, finchè non avesse riconosciuto il “mollusco” che c’era in lei, non avrebbe potuto attrarre uomini che non si “ammosciassero” nell’intimità.

Imparando ad amare l’altro, impariamo ad amare la parte di noi che non conosciamo, quella bambina o quel bambino che sono nascosti profondamente dentro di noi, di cui non sappiamo più nulla. Le nostre storie d’amore servono a farci conoscere noi stessi, a farci sapere chi siamo, a farci capire come abbiamo trattato noi stessi finora e quanto bisogno abbiamo di manifestare ciò che giace sepolto nel nostro inconscio.

L’amore può durare, ed allora insieme impareremo a smussarci e ad accogliere l’uno le caratteristiche dell’altro, amandole così come sono; oppure può finire, e l’insegnamento che dobbiamo trarne è comprendere ciò che l’altro ci ha mostrato di noi.

Ognuno ci fa da specchio e, in questo specchio, possiamo ritrovare ciò che abbiamo rimosso e che rappresenta la nostra Verità. Riconoscendola, accettandola, integrandola ed amandola, possiamo imparare ad amare noi stessi e, facendolo, incontrare qualcuno che ci amerà così come siamo.

 

(*) T. Dethlefsen, “Malattia e destino”, Ed. Mediterranee

Articolo tratto dal blog di Valeria Pisano







CHI E’ VALERIA PISANO?

Valeria Pisano si occupa da oltre ventfoto pisano’anni di Crescita Personale, ha fondato un’Associazione Culturale che si occupa di divulgare la Medicina Naturale e le discipline che favoriscono il benessere e l’armonia interio
re. Si è formata come Life Coach e Trainer in PNL nominata direttamente dal Dr. Bandler, suo co-creatore, negli Stati Uniti. Ha creato il suo Evolution Coaching per aiutare le persone che vogliono Realizzare Se Stesse e manifestare il loro Sé più autentico, al di là dei limiti, delle convinzioni  e degli schemi utilizzati finora. Divulga la sua conoscenza attraverso conferenze, workshop e seminari sul potere della mente, le ferite dell’infanzia, la realizzazione di Sé, la comunicazione, la femminilità, la PNL, la genitorialità, lo Yoga della Risata.

 

Website: www.evolutioncoaching.it

Blog: www.valeriapisano.com

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/EvolutionCoachingValeriaPisano/

 

Per chi fosse interessato a partecipare segnaliamo in particolare l’appuntamento del 27/01/2017 dal titolo Comunicare dal Cuore al Cuore. Di seguito il programma dettagliato:

ajaxmail

ajaxmail (1)






A proposito dell'autore

Post correlati