shutterstock_113125348

 

Sempre più genitori decidono di avvicinare i loro bambini ad un corso di yoga o, in generale, alle discipline olistiche.

Come mai, si domandano i dubbiosi, è necessario insegnare a rilassarsi a chi sta attraverso la fase della vita più libera e spensierata? La risposta obiettiva è che ormai anche i più piccoli sono stressati, spesso impegnati in mille attività extra-scolastiche e sempre più tecnologici.

Quando si pensa ai figli bisogna tener conto degli adulti: spesso occupati in lavori con orari rigidi sono costretti a portare i bambini in corsi e gruppi che li tengano impegnati più ore possibili, divisi tra scuola, nonni, spesso baby sitter o altre persone a loro dedicate.

Questo porta il bambino ad essere sempre “pieno”, ad avere l’impressione che ogni ora, ogni giornata, ogni settimana vada pianificata.

Tutto ciò pare semplice e pratico per gli adulti, ma comporta in realtà la perdita di una caratteristica fondamentale dell’infanzia: la spontaneità.

Nulla è più libero, lasciato al caso, naturale.

I “grandi” hanno preso un ritmo veloce, frenetico, compulsivo, a volte e tendono per necessità o confusione ad inserire i bambini nello stesso meccanismo.

Non tutti per fortuna.

Ci sono i genitori più saggi, quelli che magari hanno provato sulla propria pelle una crisi interiore, un dubbio, hanno capito che a volte rallentare  e selezionare gli impegni è il modo migliore alla fine per risparmiare tempo ed energie. Le tante persone che hanno trovato beneficio grazie ad un corso di yoga, di Tai chi, di meditazione.

I più bravi avranno imparato un metodo ed avranno cercato di avvicinare i figli, come una pratica naturale, come infatti lo è ancora in tante popolazioni orientali.

Praticare yoga insieme, la sera per conciliare il sonno, o svegliarsi la domenica con le posizioni degli animali della tradizione taoista, queste e tante altre sono buone abitudini delle famiglie di questa epoca “acquariana”.

I tempi sono mescolati, confusi, connessi sempre e spesso troppo, allora prendiamo almeno il meglio da questa contaminazione!

Iscrivere un bambino ad un corso di yoga è veramente un grande dono.

Già dai primi ann16215603_10210576693525459_949756984_n-2 (1)i di età potrà imparare a prendere consapevolezza del proprio corpo, a sviluppare concentrazione, a trovare uno spazio interiore assolutamente personale e infinito.

Capiterà a tutti, anche ai più fortunati, di avere momenti di smarrimento in cui neanche i genitori potranno aiutarlo, pensiamo a quando sono gli adulti stessi fonte di dispiacere magari per una incomprensione o nel periodo di crisi coniugali.

 

La pratica yoga insegna ad essere più autonomi e liberi, ad ascoltare gli altri ma non lasciarsi influenzare, ad amare il proprio corpo entro i suoi limiti; pensiamo quindi a quanto potrà essere utile per non subire violenze psicologiche, cadere trappola di condizionamenti forti o bullismo molto frequenti, purtroppo, tra i giovani.

Il bambino ha inoltre una capacità a volte perduta dall’adulto: la capacità di immedesimazione, ecco perché visualizzare una “sfera di luce” protettiva, o restare fermi nella posizione del “guerriero”, porterà il piccolo grande praticante a trovarne un reale beneficio.

I bambini possono dire tranquillamente che la loro matita è una bacchetta magica, perciò saranno bravi a giocare con le posizioni dei fiori, degli animali, a respirare sentendo l’energia che cresce, e riscoprendo, così, quanto la vita e l’infanzia siano preziose, poiché si vive nel QUI ed ORA.

 

ajaxmail

Gaia Chon

Naturopata e Counselor olistica

Pratica yoga dall’età di nove anni ed è attualmente Trainer di Maitri Yoga.

 

Segui i corsi e gli eventi di Gaia:

www.gaiachon.it

gaiachon@istitutomaitri.org

 

volantino-modificato

 

YOGA PER BAMBINI presso

MELODY e IL BOSCO INCANTATO

Via Ronzani 7/C – Casalecchio di Reno – Bologna

 

A proposito dell'autore

Italiana con origini cinesi, insegnante di Maitri Yoga, naturopata e counselor olistica trainer per Istituto Maitri. Pratica yoga e buddismo tibetano fin dall'infanzia e da anni alterna la ricerca artistica e quella interiore. Vive a Bologna ma viaggia in tutta Italia per promuovere la cultura olistica, il teatro e la comunicazione consapevole come vera espressione di sè. Ogni settimana conduce la trasmissione radiofonica e televisiva "Nulla è per Caso" per CiaoRadio e Di-tv 210. Il suo primo libro "Come riequilibrare i chakra con lo yoga" per How2 edizioni nasce come guida per chi desidera qualche informazione teorica, riadattata alla vita occidentale moderna.

Post correlati